>

Isola di Giannutri - VACANZE IN BARCA

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Isola di Giannutri

DESTINAZIONI

Dinnanzi al promontorio di Monte Argentario, sorge la più meridionale delle isole dell'arcipelago toscano: l'isola di Giannutri con la sua forma inconfondibile di una mezzaluna.

Dista 15 chilometri dall'Isola del Giglio (12,1 miglia marine) e 23 da Porto Ercole, il suo punto più elevato è Monte Mario 83 metri sul livello del mare; ha una superficie di 260 ettari e uno sviluppo costiero di 11 chilometri.

Isola di Giannutri Cala Maestra  Cala Maestra, Isola di Giannutri
Nonostante le ville che spuntano tra Cala Maestra e Cala dello Spalmatoio (l'isola è di proprietà privata), la bassa macchia mediterranea regna ancora con i suoi colori e profumi. Meta di passo per una miriade di uccelli che raggiungono l'Europa per nidificare, è la terra d'elezione per il rondone pallido ed è colonizzata sulle coste dai numeriosi gabbiani reali.

Isola dei Gabbiani
L'appellativo di Isola dei Gabbiani, frequentemente usato per Giannutri, si riferisce alla presenza di una consistente colonia di gabbiani reali meditteraneo (Larus Michaellis), che si distingue dagli altri gabbiani reali per la colorazione della zampe, gialle anziché rosate.

La natura calcarea e l'eccezionale trasparenza dell'acqua, la straordinaria diversità biologica e la presenza di relitti, rendono unici questi fondali, richiamando ogni anno migliaia di subacquei. Certamente fu abitata già nella preistoria (come testimoniano i numerosi ritrovamenti di armi e utensili) e fu frequentata da Etruschi e Romani. Giacciono ancora sui fondali di questo tratto di mare alcuni relitti di navi mercantili, testimoni di antichi traffici marittimi.

I romani, probabilmente appartenenti alla famiglia dei Domizi Enobarbi, hanno anche lasciato in eredità all'isola i resti di un antico porto alla Cala dello Spalmatoio e una villa mozzafiato costruita in località Cala Maestra nella prima metà del II secolo d.C.

Villa Romana Isola di Giannutri  Villa Romana, Isola di Giannutri
La villa copriva una superficie di circa 5 ettari di terreno e aveva un'enorme terrazza accessibile direttamente dal mare tramite una scalinata. Dagli scavi effettuati sono venuti alla luce resti di pavimenti decorati con marmi di delicata fattura e con mosaici in bianco e nero.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu